UN LIBRO “ AGLAIA” PER CONOSCERE MEGLIO LE DONNE E LE LORO MILLE SFACCETTATURE di Paola Copertino


UN LIBRO “ AGLAIA” PER CONOSCERE MEGLIO LE DONNE E LE LORO MILLE SFACCETTATURE.

di PAOLA COPERTINO

Nell’ ambito della Rassegna Rosso Porpora, giunta alla seconda edizione, è stato presentato presso il Museo Diocesano di Molfetta, alla presenza di un foltissimo ed interessato pubblico, il libro “ Aglaia, Diario segreto di uno scrittore impunito”, di Mauro Mastrofilippo.

A fare gli onori di casa l’assessore alla cultura e vice sindaco Sara Allegretta, promotrice della rassegna culturale affiancata dall’ autore, dalla professoressa Antonella Paganelli nel ruolo della moderatrice e da Giorgio Latino in veste di lettore di alcune pagine del romanzo.

Quest’anno la rassegna affronta il desiderio di amore attraverso il romanzo e il 9 marzo, nella Cittadella degli Artisti, alle 20.30, con lo spettacolo teatrale in forma di monologo: Di fuoco e di vento. Eleonora Duse. L’Imaginifica.

Ancora una volta scandagliato l’universo femminile sotto una altra prospettiva, dando voce alle donne protagoniste di questo avvincente racconto ricco di sorprese e colpi di scena.

I presenti attraverso alcuni brani del libro e le sollecitazioni della Paganelli, hanno ripercorso il viaggio di andata e ritorno, dalla Puglia agli Stati Uniti, raccontato dall’autore, una delle icone della moda degli anni ’80, che in questo noir traccia i vari percorsi del bisogno d’amore attraverso le protagoniste del romanzo: Veronica, Wilma e Gabri.

Il romanzo ha il pregio di mescolare uno stile lieve e a tratti scanzonato con una narrazione densa di significati, capace di coinvolgere il lettore fino al suo inaspettato e drammatico epilogo.

Le Tre Grazie del Canova, raffigurate sulla copertina del libro a simboleggiare la bellezza femminile sono in contrapposizione con le tre protagoniste, ognuna con il proprio “grido d’amore”. Ognuna di loro nasconde segreti che non verranno svelati se non alla fine.

La serata è trascorsa piacevolmente fra l’excursus della vita di Mastrofilippo, che ha toccato differenti ambiti lavorativi abbracciando più carriere, alla dichiarazione d’amore per il sesso femminile e le sue potenzialità.

Pur non essendo autobiografico, racconta molto delle donne avendo l’autore vissuto a diretto contatto con l’universo femminile quando ha calcato le più importanti passerelle della moda negli anni ottanta.

Ogni presentazione, dalla prima a Bisceglie sua città di adozione a tutte quelle che sono seguite, ha incontrato il favore del pubblico che si è complimentato con l’ autore riscoprendo ed apprezzando un Mastrofilippo inedito, per certi versi anche sorprendente.

Per chi non lo avesse ancora letto vi sveliamo qualche anticipazione, ma non troppo, come si addice ad un noir.

Una storia apparentemente rosa, velata di passionale erotismo e dipanata su melanconici ricordi, si tinge marcatamente di nero allorquando Marco, il protagonista maschile, si vede costretto a tener fede alla sacra ed insana promessa fatta alla sua amante: uccidere suo marito.

Mastrofilippo da sempre è stato appassionato di scrittura, è una sua vecchia passione, tenuta nascosta per pudore, per inibizione. Da ragazzo si sfogava attraverso le lettere scritte in navigazione ed inviate dai porti toccati dalle navi sulle quali in giovane età era stato imbarcato.

Più in avanti, quando moda e immagine, impossessandosi della sua vita, lo portano dalle passerelle e dalle sale di posa, al di qua dell’obbiettivo di una macchina fotografica, di una video camera o di un ciak, si è ritrovato a corredare brochure, materiale pubblicitario e quant’altro producevo, con slogan, didascalie e testi scritti.

La costante piacevole presenza di donne nella sua vita ha influito sulla  scelta di rendere nel romanzo protagoniste le donne. Una madre e due sorelle in una casa dove manca il padre perché naviga, segnano già al femminile la sua infanzia. Se a questo poi ci aggiungiamo una quantità industriale di materne zie, affettuose cugine e di generose amiche delle sue sorelle nel suo quotidiano di adolescente, è facile intuire quanto forte, da lì in poi, si sarebbe fatta la dipendenza dall’universo donna. Non c’è stato giorno che Mauro non abbia avuto al suo fianco una compagna. E se una lunga navigazione lo privava della sua piacevole compagnia, sapeva come fare per entrare nelle grazie di straniere sconosciute non appena toccava terra. Bell’aspetto, italianità, gentilezza ma soprattutto conoscenza del linguaggio dell’altro sesso, gli facilitavano l’approccio. La bellezza esagerata di top model frequentate per lavoro per oltre un decennio e la grandezza di una moglie dalla quale non potrei mai prescindere, hanno fatto il resto.

Mastrofilippo è grato anche agli uomini..

Con loro ha giocato a salta cavallo, a pallone, ha marinato la scuola, ha imparato a fumare, ha stretto patti di sangue, ha tifato per una squadra, ho lottato per un ideale, ho fatto il militare, ha viaggiato per lavoro e per vacanza, ho condiviso gioie e dolori.

A loro deve molto.

Ebbene sì, è stato sempre rapito dalla capacità delle donne di essere al contempo fragili e forti, geniali e sregolate, dolci e amare, perfide ed amabili. I loro racconti, le confidenze, le verità, le sane bugie, la variegata visione della vita lo hanno migliorato dentro. Credo, dice Mastrofilippo, mi abbiano dato molto più di quanto io abbia potuto dare a loro.

Come potevo non narrare di loro?

Come potevo non renderle protagoniste dei miei romanzi quando lo sono già della mia stessa vita? Afferma quindi l’ autore, sollecitato dalla moderatrice…

Racconta poi come è nata la sua carriera sulle passerelle.

“Provo a fare il fotomodello, e per fatal combinazione capito al casting giusto nel momento giusto. La redazione di Vogue, dico Vogue, cercava un fotomodello che avesse confidenza con motori, caldaie, manovellismi e quadri elettrici, per realizzare un servizio fotografico di moda riconducibile a quel gran capolavoro di film di Fritz Lang che è “Metropolis”. Quello che cercavano disperatamente lo trovarono non appena raccontai di me all’addetto al casting. Tutto tornava. Essere stato un macchinista navale per un bel po’ di anni, in quel preciso luogo e momento pagava, pagava tanto e bene. Decolla così la mia carriera di fotomodello e indossatore. Entro dalla porta principale a fare parte da protagonista di un mondo esclusivo, patinato come le pagine prestigiose di testate di moda. Modelle e modelli bellissimi su pagine di giornale, passerelle da defilè e negli spot pubblicitari, per incantare un pubblico deciso a spendere fior di quattrini per qualcosa di effimero ma rappresentativo di un prestigioso status symbol. Cose da pazzi, vero? Ma Eravamo alla fine degli anni 80 e Milano, capitale europea della

moda, a quel tempo era la “città da bere” ed io l’ho bevuta, a piccoli sorsi, tenendo ben piantati i piedi per terra e gli occhi ben aperti

Una volta svestito i panni dell’uomo copertina, è stato naturale per lui fare il direttore artistico, il regista, l’attore di teatro, l’organizzatore di eventi, il creativo, il copywriter, l’insegnante di portamento, attività queste che hanno fatto da apripista a quella che ha ritenuto la migliore trovata per reinventarsi ancora una volta: scrivere storie.

E, visto il successo, confermiamo che le sue storie piacciono e catturano il pubblico il quale, come tutte le presentazioni, si accalca per acquistare il libro e farselo autografare da Mauro Mastrofilippo dalle mille vite: da marittimo a modello, da creativo a scrittore, sempre capace di mettersi in gioco.

“Aglaia” sta infatti conquistando una fascia sempre più ampia di lettori anche grazie alla capacità empatica che l’autore ha dimostrato di possedere.

Tante le presentazioni già programmate nel barese, viste le richieste pervenute da librerie, circoli ed associazioni.

                                                           Paola Copertino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...