COMUNICATO STAMPA: Opera “S.Francesco e il Sultano” in Italia (21 maggio 2022)


COMUNICATO STAMPA: Opera “S.Francesco e il Sultano” in Italia (21 maggio 2022)

Dopo il grande successo in libano l’Opera lirica “ S.Francesco e il Sultano” sbarca in Italia con 5 esecuzioni in altrettante città italiane dal 20 al 25 maggio. Rispettivamente Monopoli, Bari, Brindisi, Assisi (S.Maria degli Angeli) e Roma. Il libretto e’ del professore Bartolomeo Pirone e la musica del M.O.P.Khalil Rahme.

L’Opera “S.Francesco e il Sultano”, ispirata all’incontro fra S.Francesco d’Assisi ed il Sultano Malek al-Kamil a Damietta nel 1219, ideata e progettata a Tripoli-Mina (citta’ da sempre con molte tensioni politiche, dove i Francescani operano in mezzo ad una popolazione a stragrande maggioranza musulmana), prodotta dalla Custodia di Terra Santa ed eseguita in prima mondiale in Libano a novembre dello scorso anno, ha avuto un grande successo soprattutto il 25 marzo scorso, festa dell’Annunciazione, al palazzo dell’UNESCO di Beyrut che ha visto riuniti insieme i Libanesi di tutte le confessioni religiose. L’Annunciazione accomuna tutti i Libanesi in quanto l’episodio e’ narrato non solo nei Vangeli(Lc.1,26-38, Mt.1,18-24) ma anche nel Corano (Sura di Maria,19).

Il Coro della Notre Dame University con i solisti libanesi sara’ in Italia dal 16 al 27 maggio e dopo qualche giorno di prove iniziera’ la tournée. A Brindisi si uniranno per le prove prima e per le esecuzioni poi altri cantori de LA Chorus, artistidell’orchestra Magna Grecia di Taranto e il solista di Bari Giuseppe Naviglio che avra’ il ruolo del Sultano. Dopo le esecuzioni nelle Cattedrali di Monopoli, Bari e Brindisi conl’organista italiano M.O. Cosimo Prontera sotto la Direzione del Maestro P.Khalil Rahme la tourné proseguira’ per Assisi. A S.Maria degli Angeli accanto alla Porziuncola, culla del francescanesimo, sotto il patrocinio del Comune avverra’ la penultima esecuzione. Infine il 25 maggio dopo l’Udienza mattutina dal Papa con qualche nota musicale, la serata finale avverra’ a Roma nella Basilica di S.Maria in Ara Coeli alla presenza di alte autorita’ civili e religiose. Nelle varie citta’ saranno presenti oltre i rappresentanti delle varie associazioni legate alla Custodia di Terra Santa ed ai Francescani in genere i delegati dei non cristiani, specialmente della comunita’ musulmana. Inoltre l’Opera si propone in particolare a tutti quelli che promuovono il dialogo e la fratellanza universale secondo la linea di Papa Francesco che troviamo nei testi di “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune” e nell’Enciclica “Fratelli tutti”.

In futuro, sono previste esecuzioni dell’Opera al Cairo, Damasco, Amman e di nuovo in alcuni teatri italiani. Auspichiamo che il messaggio di pace e fratellanza lanciato a Damietta 800 anni fa da S.Francesco nell’incontro col Sultano Malek al-Kamil arrivi fino agli estremi confini della terra. La via del dialogo, della tolleranza, della fratellanza e della coesistenza pacifica e’ e rimane l’unica via percorribile ed é la carta vincenteper il Libano, per il Medio Oriente e per tutto il mondo.

P.Quirico Calella ofm

Ideatore e progettista dell’Opera

Superiore del Convento S.Francesco
Tripoli-Mina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...