Salerno si conferma capitale italiana dell’abito da sera. In passerella l’eleganza di Via Della Spiga


Costume e tendenze

Salerno si conferma capitale italiana dell’abito da sera. In passerella l’eleganza di Via Della Spiga

Paola Copertino Views made in italy, moda, sfilate, via della spiga

Classificazione: 1 su 5.

Dopo il successo internazionale dell’edizione 2019, conferma l’alto gradimento degli addetti al settore, la collezione “Evening dress” di Via della Spiga Milano, che ha calcato la passerella di Salerno.

Un’edizione a porte chiuse, quella del 2020, causa emergenza sanitaria, ma impostata sulla comunicazione digitale. Il primo salone italiano dedicato alla moda per il cocktail e la sera ha avuto come magnifico scenario la Stazione Marittima Zaha Hadid di Salerno per la seconda stagione consecutiva.

Organizzato da IFTA (Independent Fashion Talent Association), con la collaborazione e il sostegno di Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane –  Ministero degli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, di Regione Campania,  Comune e Camera di Commercio di Salerno, Edshow ha selezionato 40 brand nelle otto regioni italiane del Sud (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) che, nei tre giorni del salone (10-12 ottobre) hanno avuto a disposizione una Digital-area nella quale poter farsi conoscere dai buyer collegati alle 78 sedi Ice nel mondo.

L’evento di ottobre è stato mirato a consacrare Salerno come capitale della moda da sera, ma ha avuto anche la finalità di mettere in mostra anche fashion hub per le migliori micro e piccole imprese del Sud Italia.

La Puglia ha brillato per l’eleganza e per la raffinatezza degli abiti  della nuova collezione di Via della Spiga Milano che hanno sfilato in una location all’avanguardia e che si presta benissimo ad eventi del genere.

Il ceo di Via Della Spiga, Francesco De Gennaro, dopo l’entusiasmante esperienza della scorsa edizione, ha voluto bissare, portando sul red carpet alcuni splendidi modelli che hanno calamitato l’attenzione dei presenti.

Una location emozionante, la Stazione Marittima di Zaha Hadid, con le sue linee sinuose adagiate accanto al mare di Salerno, come cornice di un expo di abiti da grande soirée per il rilancio del Sud e della moda Made in Italy.

La nuova collezione in edizione limitata di Via Della Spiga Milano nasce sotto il segno dell’arte, come testimonia anche il video:

Uno dei brand di eccellenza nel settore cerimonia e sera con radici profondamente radicate nella tradizione sartoriale italiana, ha voluto far dimenticare quindi, con capolavori unici, dove la ricerca costante di tessuti pregiati e del dettaglio si sposano con maestria a un’abilità artigianale che dura da generazioni, con la bellezza un momento difficile.

Gli abiti sono stati realizzati con tecniche all’avanguardia, stampe e tessuti, interpretando le tendenze del capo unico irripetibile.

Visto il momento contingente, anche questo salone è stato trasformato ed adeguato alle nuove esigenze e alla situazione. Infatti è stata allestita la Digital-area con set fotografici per servizi e interviste sulle singole aziende, le quali hanno avuto anche  la possibilità di partecipare alle sfilate, chiuse per il pubblico, in diretta streaming su canali dedicati. La macro tendenza che ha dominato il salone e che ha scandito le scelte della direzione artistica del salone affidata alla giornalista e talent scout Michela Zio è stata quella Estetica Mediterranea che ha influenzanto  e permeato  la comunicazione e le collezioni stesse delle più blasonate griffe internazionali.

Sotto il segno della bellezza tutta italiana, il salone è stato  diviso in due aree: Mediterranean Couture dedicata a 24 collezioni femminili e maschili di abiti dalla forte impronta sartoriale, affiancate da proposte contemporary couture e da outfit di brand che lavorano sulla sostenibilità planet & people. Evening Minds con una selezione di 15 tra accessori artigianali e outfit di ricerca per la sera e per il cocktail.

Il salone nelle tre giornate ha accolto importanti buyer provenienti da diverse cittàitaliane ed estere.


Un libro sul movimento cattolico a Gravina tra XIX e XX secolo


Libri| Recensioni | Puglia d’amare Quotidiano| Un libro sul movimento cattolico a Gravina tra XIX e XX secolo Francesco Parisi, gravinese puro sangue, sia pure, attualmente, residente a Potenza, docente di Lettere in pensione, si affaccia nuovamente sulla tribuna editoriale e bibliografica, con un nuovo lavoro di ricerca storica: “Gravina tra il XIX e XXLeggi tutto “Un libro sul movimento cattolico a Gravina tra XIX e XX secolo”

“Con gli occhi, con le mani, con il cuore”


Libri| Recensioni|News|Cresy Caradonna “Con gli occhi, con le mani, con il cuore”di Vito Coviello, Annamaria Antonelli, Paola Tassinari. È il titolo dell’ennesimo libro dello scrittore materano non vedente Vito Coviello.È altresì il modo con cui Vito raggiunge la sua massima espressività, amplificata in quest’opera collaborativa.La sua visione oltre il naturale, gli ha permesso qui diLeggi tutto ““Con gli occhi, con le mani, con il cuore””




PUGLIA D’AMARE QUOTIDIANO
Categorie:

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...