Benvenuti in Puglia: Torre a Mare (Bari)


Borghi|Puglia|


TORRE A MARE, BARI, PUGLIA
Foto di CRESCENZA CARADONNA

Benvenuti in Puglia
Torre a Mare (Bari)



©️
Torre a Mare (ex Torre Pelosa) è un quartiere di Bari appartenente dal 2014 al I municipio (ex V circoscrizione).
⬇️
STORIA
Nel territorio dell’attuale Torre a Mare sono state rinvenute tracce della presenza umana risalenti al IV millennio a.C. nelle grotte di Cala Colombo sulla costa sud e nella grotta della Tartaruga in prossimità dello sbocco a mare di lama Giotta. In epoca romana, la località era posta lungo la via Appia-Traiana che congiungeva Barium (l’antica Bari) ed Egnatia. Alcuni storici ritengono che la Turris Juliana, una stazione di posta per il cambio di cavalli che l’Itinerarium Burdigalense (333-334 d.C.) collocava 11 miglia a sud di Barium, fosse in contrada Scamuso poco a sud di Torre a Mare.

Intorno al 1500, allo scopo di difendere la costa dalle incursioni dei pirati e dei predoni che infestavano il mare Adriatico, fu edificata una torre di avvistamento, tuttora esistente al centro della piazza principale. Da allora la località prese il nome di “Torre Apellosa” o “Torre Lapillosa”, trasformato successivamente in “Torre Pelosa”, e divenne un piccolo borgo di pescatori che vivevano per lo più in trulli e grotte naturali e riparavano le proprie imbarcazioni nel porticciolo alla foce di lama Giotta.

Per molti secoli Torre Pelosa fu la marina del vicino centro di Noja, tanto che quando, dopo l’Unità d’Italia (1861), questo comune mutò nome in Noicattaro, recuperò dalla leggenda il toponimo Cattaro, dal nome di una città preromana (peraltro probabilmente mai esistita) sita dove sorge oggi Torre a Mare (secondo molti studiosi, invece, il nome significa “Nuova Cattaro”, dal nome della omonima città sita sulla costa del Montenegro, molto legata alla Puglia; per molti secoli – infatti – la diocesi di Cattaro dipendeva direttamente dall’Arcivescovo di Bari).

Nel 1865 la località fu dotata di una stazione lungo la ferrovia Bari-Lecce, stazione realizzata soprattutto a beneficio di Noicattaro e dei paesi dell’interno. A quell’epoca Torre Pelosa era un villaggio di pescatori, il borgo si trovava intorno alla torre di guardia, i terreni lungo la costa appartenevano prevalentemente alle famiglie Positano, ad eccezione dell’appezzamento di terra lungo la lama fino alla torre di proprietà del comune di Noja, e che fu oggetto di una diatriba legale prima della lottizzazione. Le uniche costruzioni al tempo, oltre le case dei pescatori, erano poche maestose ville situate lungo la vecchia via litoranea Bari-Brindisi; tra queste si ricordano le ville Trojani, Suglia-Passeri, Scarpelli, De Mattia, e quelle dei vari rami della famiglia Positano. Pochi anni dopo ebbe luogo un primo sviluppo urbanistico, promosso dall’avv. Vittorio Positano De Vincentiis, quando il comune di Noicattaro pianificò la costruzione di alcuni lotti di case unifamiliari sul suolo di proprietà comunale attorno alla torre cinquecentesca. Intanto, nel 1893 fu costruita ex novo una chiesa intitolata a San Nicola (patrono dei marinai), in luogo della piccola e malmessa cappella precedente. Rapidamente, Torre Pelosa divenne luogo prediletto di villeggiatura da parte non solo dei cittadini di Noicattaro, ma anche di quelli di Bari, Rutigliano e Triggiano. Essi si aggiungevano ai residenti che, secondo il censimento del 1921, erano 864.

Appena fu terminata la costruzione del molo e deliberato un ulteriore ampliamento della chiesa, affidato all’architetto Saverio Dioguardi, nel 1934 Torre Pelosa venne annessa, insieme alla frazione di San Giorgio del Comune di Triggiano, al Comune di Bari nell’ambito di un ampliamento della città voluto dal regime fascista, diventandone una frazione al pari di Palese e Santo Spirito (staccate da Modugno e Bitonto) e gli ex Comuni autonomi Loseto, Carbonara di Bari e Ceglie del Campo, che furono soppressi.

Pochi anni dopo ne venne modificata la denominazione in “Torre a Mare”.

Tra 1940 e 1950 vi risiede il compositore Nino Rota.


#pugliadaamareonline #cresycara_donna #Torreamare #Puglia #Bari
Ricerche dal web a cura di Cresy Caradonna


ARTICOLI DEL BLOG

BITLibri 2021, Bitritto


BITLibriEvento Dopo circa 15 mesi di pandemia, lockdown, sofferenza e tristezza, questo evento vuole portare luce, speranza e voglia di tornare a vivere, ritrovandosi. BITLIBRI é stato sognato, desiderato, pensato e realizzato sempre con tanti sacrifici. Con grande soddisfazione oggi annuncio la IV edizione di un festival letterario che ha sempre voluto intrecciare parole e … Continua a leggere BITLibri 2021, Bitritto

Bari, Santa Colomba


Bari, Santa Colomba articolo di Crescenza Caradonna Santa Colomba di Sens, di origine spagnola, visse durante il III secolo D.C. tra la Spagna e la Gallia, dove si rifugiò per sottrarsi alle persecuzioni dell’imperatore Aureliano e successivamente trovò il martirio. In tutta Europa il suo culto divenne popolare durante il medioevo. A Sens, la città … Continua a leggere Bari, Santa Colomba

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.


“ITALIAN GRAFFITI” DI VITO SIGNORILE


Finalmente il 12 e 13 giugno alle ore 20:30 al Teatro Abeliano di Bari debutta ITALIAN GRAFFITI drammaturgia e regia di Vito Signorile con un cast ‘corale’ di 25 talentuosi attori e attrici di ogni parte della Puglia, che hanno portato avanti dal lockdown del 2020 ad oggi (per gran parte in streaming) un progetto teatrale coraggioso e unico, un case studies originale … Continua a leggere “ITALIAN GRAFFITI” DI VITO SIGNORILE

“Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello


Un premio di poesia in nome e in memoria di Alessandro Fariello, giovane di Grumo affetto da SMA, recentemente scomparso (AGR) Alessandro è stato un poeta, un ragazzo dalla sensibilità fuori dal comune, “il poeta guerriero”, com’è stato definito, per la capacità di poter sfidare anche la sua crudele malattia con quella sensibilità stessa, esplicitata … Continua a leggere “Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello

“ROMANTICISMO IN POESIA” dedicato a Giacomo Leopardi.


Originally posted on CRESCENZA CARADONNA'S BLOG:
“ROMANTICISMO IN POESIA” dedicato a Giacomo Leopardi “Leopardi tenta due volte di inserirsi nel dibattito fra classicisti e romantici. La prima volta nel 1816, con la Lettera ai Sigg. compilatori della «Biblioteca italiana» in risposta a quella di Mad…. La seconda nel 1818, col Discorso di un italiano… Continua a leggere “ROMANTICISMO IN POESIA” dedicato a Giacomo Leopardi.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...