IL COMANDAMENTO NUOVO V Domenica di Pasqua (C) GV 13, 31-35 art.di Fra Umberto Panipucci



IL COMANDAMENTO NUOVO

V Domenica di Pasqua (C)

GV 13, 31-35

+Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui.+

Spesso, il linguaggio di Dio, assume toni contraddittorii e paradossali. Gesù annuncia la glorificazione sua e del Padre, proprio quando l’evento più drammatico colpisce la comunità degli apostoli. Il tradimento di Giuda é lo scacco più grande che la Chiesa nascente subisce. Satana, infatti, riesce nel suo intento: il pastore é colpito, i suoi seguaci restano confusi e terrorizzati, il gregge é disperso. Il popolo, che doveva accogliere il suo Messia, lo condanna alla più ignobile delle morti e lo annovera fra i malfattori. Come può essere glorificato Dio e suo Figlio attraverso tutto questo? Forse dimostrando la sua assoluta superiorità ed invincibilità con una vittoria che si è fatta strada attraverso la sconfitta?

+Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.+

Dio è glorificato perchè l’amore è glorificato. L’umanità di Gesù compie ciò che il Padre ha sempre voluto per noi: la nostra divinizzazione, opera che giunge a compimento attraverso una pura offerta d’amore. La sconfitta di Cristo, vista da questa prospettiva, non appare più come tale, ma diventa una travolgente vittoria. L’ingiustizia non trionfa; la calunnia svanisce; la violenza non umilia chi la subisce, ma chi la pratica. Questa é l’inaudita vittoria della resurrezione!

+Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».+

Fino a quel momento, il rapporto che l’uomo aveva con Dio, era regolato dalla Torah: il libro della Legge. Tutto ciò dava alla relazione con il Mistero del divino una connotazione giuridica e rituale. Questo portava l’uomo a farsi un’idea di Dio vaga e astratta, abbandonata all’immaginario dell’uomo, il quale non poteva fare a meno di rivestire quella “ignoranza” con un’interpretazione fondata sulla mentalità di quei tempi: Dio poteva assumere così l’immagine di un Re, un Sacerdote o un Giudice con potenzialità infinite. Gesù rivela però una Verità sconvolgente. L’Altissimo non giudica: perdona; Dio non vuole sacrifici, ma si sacrifica per noi; Dio non cerca potere, ma si fa servo; Egli non resta isolato nel suo mondo perfetto, ma si fa prossimo a questa umanità fragile, condividendone i dolori e la debolezza (esclusa quella del peccato). Attraverso il Comandamento Nuovo Gesù coniuga la Regola d’oro, principio universale etico e sunto della legge (cfr. Lv 19,18; Tb 4,15; Mt 7,12; Lc 6,31; 13,8-10; Gv 15,12, ecc.), all’interpretazione pratica e teorica che Egli stesso ne fa, creando così un paradigma cristologico, ad un tempo in continuità e in discontinuità con l’Antico Testamento. La Legge trova compimento e si rinnova in Cristo, attraverso una prospettiva inedita fino ad allora inedita. L’amore reciproco deve caratterizzare la comunità cristiana, fino al punto d’essere “conditio sine qua non”, il segno distintivo di una comunità autentica. Il grande messaggio del Vangelo è ancora così lontano dall’essere recepito… Spesso si riducono i principi del Vangelo e la sua proposta di vita a semplice utopia, da realizzare, se mai, solo in piccole oasi. Non si osa pensare a una società che includa davvero la visione delle beatitudini. Quanta violenza, fisica e morale, è ancora ritenuta “necessaria” nella prassi delle istituzioni? Quanta umanità deve pagare il prezzo di un mondo che viaggia a due velocità? Come possiamo sperare di salvare il mondo attraverso ciò che lo distrugge?

Fra Umberto Panipucci

FRA UMBERTO PANIPUCCI

Felice Domenica!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...