MOLFETTA. SI CONCLUDE CON SUCCESSO LA RASSEGNA ESTIVA DEL CARRO DEI COMICI


fb_img_1502195716248_150220048366353
INFO/CONTATTI: pugliadamareonline@gmail.com

 

MOLFETTA.
SI CONCLUDE CON SUCCESSO LA RASSEGNA ESTIVA DEL CARRO DEI COMICI

 

image

Molfetta. Più che positivo il bilancio della rassegna estiva degli spettacoli promossi da Il Carro dei Comici e patrocinati dalla Regione Puglia  per valorizzare i luoghi meno conosciuti e legati alla storia del nostro territorio. Dopo il focus sul museo Archeologico del Pulo, era previsto che altri due spettacoli si sarebbero dovuti tenere nel Chiostro della Fabbrica di San Domenico.

Così non è stato, viste le condizioni meteo sfavorevoli, ma come ha affermato il curatore della rassegna Francesco Tammacco, anche il Teatro del Carro ne ha storia di raccontare, essendo un vecchio frantoio, quindi legato anche alla nostra terra e ai nostri genitori.

“ La ballata della Coppola” è stato quindi l’appuntamento conclusivo, anche se sono previsti altri spettacoli con collaborazioni importanti e attori di primo piano come Andrea Buscemi.

Durante la serata è stato possibile fare un salto all’indietro nel tempo e rivivere la Molfetta che fu.

La coppola e il borsalino rappresentano due stili di vita, due modi di pensare e vedere, due ideologie politiche.

Uno incarna l’ideologia salveminiana, quella rappresentata da contadini e operai che avrebbero potuto cambiare lo stato sociale.

Salvemini infatti, come ben si evince da tutto lo spettacolo, molta importanza riservò a queste categorie sociali che voleva che progredissero grazie anche ad una organizzazione. Politica, ma anche sociale che passava per l’istruzione.

Storia, musica e narrazione si intrecciano in maniera perfetta, catturando lo spettatore. Indubbiamente non è facile in uno spettacolo dove si narrano vicende storiche che potrebbe risultare pesante tenere vivo il ritmo, ma alternando le varie arti, condendole con i pettegolezzi delle comari, che raccontano il si dice, il risultato si raggiunge perfettamente, grazie ad un’abile regia.

Gli avvenimenti, le situazioni, i personaggi, sembrano essere attuali, vicini; infatti gli spettatori toccano gli attori quando viene distribuito il foglio volante del comizio pro Salvemini e si sentono coinvolti.

I fatti sono tutti veri e, molti dialoghi sono stati ripresi dai giornali dell’epoca. Anche se cambiano i tempi e le situazioni, c’è stato sempre chi approfitta della propria carica politica e chi, invece, si adopera per tentare di cambiare ma, ahimè, invano.

Corsi e ricorsi storici. La vita politica e sociale della città di Molfetta viene mostrata anche attraverso i pettegolezzi in chiesa e nei salotti. Anche il vernacolo ha il suo indiscutibile impatto emotivo grazie alla bravura degli interpreti: Francesco Tammacco, Pietro Capurso, Pantaleo Annese, Cosimo e Mauro Capurso, Rosa Tarantino e Gabriella Caputi.

Il testo di Pietro Capurso è veramente ben congeniato, visto che mirabilmente si alternano toni, parti e linguaggi.

I numeroso pubblico ha rivissuto fatti ed episodi di vita cittadina a partire dal 1898 fino al 1913 che, in definitiva, sono gli anni in cui Salvemini si è interessato alla sua ed alla nostra città, che lo hanno visto partecipare in maniera attiva alla vita politica ed amministrativa con veemenza e coraggio e che lo hanno visto talvolta vincitore ma, più spesso, soccombente sotto il peso della corruzione, dell’intrallazzo e gli intrighi.

Lo spettacolo mette in scena anche la microstoria inquadrandola in ambito nazionale, gli avvenimento locali si inseriscono in quelli del Paese dando una visione completa ed interessante di alcuni anni della vita molfettese non solo.

Anche i personaggi minori acquistano valenza e significato perché la storia è fatta anche di questo: di nomi ed episodi che altrimenti rimarrebbero sconosciuti.

Mirabile la regia del “ La ballata della Coppola” indicata anche per un pubblico scolastico, visti i toni e i temi.

                                                 Paola Copertino


pugliadaamareonline@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...